Hungarian Baja, 2013

Laskawiec fa sua la 10° Hungarian Baja e si riprende la testa del Campionato. Pek vince al suo debutto ma Scandola mantiene la leadership.

Lukasz Laskawiec su Yamaha 750 si ripete conquistando anche l’edizione 2013 della Hungarian Baja giunta alla sua 10° edizione in 4h:52’:04”, vincendo 3 delle 4 prove speciali a disposizione. Podio tutto polacco in quanto in seconda posizione si piazza Kamil Wisniewski (Yamaha Raptor 700) in 4h:56’:07” e Zbigniew Zych in 5h:11’:24” (KTM 525).
Il ceco Jiri Vasatko (Can Am Renegade) si aggiudica la quarta posizione in 6h:06’:34” seguito dagli altri due polacchi Tadeus Wisniewski (Yamaha Raptor 700) e Piotr Serbista (Suzuki LTR 450).
Pesante assenza del ceco Tomas Kubiena (Suzuki proto 1.000) che dopo la vittoria in giugno della Romanian Baja non si presenta in Ungheria rinunciando di fatto a qualsiasi velleità di classifica del Campionato in corsa.
L’italiano Simone Toro (Yamaha 450), vero antagonista del polacco Laskawiec e uno dei favoriti per la vittoria finale, decide di ritirarsi dalla gara per protesta nella seconda prova speciale del sabato a causa della situazione di pericolo verificatasi a seguito dello smarrimento della corretta direzione di marcia per delle fetucce di segnalazione che erano state tagliate da precedenti concorrenti.

Nella categoria UTV è una lotta tra chi incappa in meno problematiche e conseguenti forfettarie infatti vince la new entry Pek Ludvik (Artic Cat 1.000) che grazie alla sua condotta regolare chiude in prima posizione in 8h:24’:00” seguito dal connazionale Dusan Randysek con l’altro Artic Cat Wildcat 1.000 a 31’20”, decisamente più veloce del compagno di squadra ma attardato da noie meccaniche.
Terza piazza e debutto nella categoria per Giammarco Fossà che si presenta con il nuovissimo Can Am Maverick 1.000. Banali problemi di turbolenze e di polvere all’interno della cockpit lo costringono a rallentare ed ad incappare in una forfettaria al sabato per cercare di risolvere il problema. L’italiano dichiara comunque a fine gara che il nuovo mezzo, in test in terra ungherese, ha espresso delle potenzialità molto interessanti.
Gara sfortunata per Graziano Scandola che dopo gli ottimi risultati in terra rumena accusa varie rotture meccaniche al suo Can Am Commander 1.000 fin dalla prima PS del sabato relegandolo in fondo alla classifica e facendo lavorare alacremente il suo Team per permettergli di conquistare quei punti preziosi per mantenere la testa del Campionato di soli 3 punti.

Nova location per la decima edizione della Hungarian Baja che si sposta a Pàpa, a circa 40 km a sud dalla precedente Gyor.
Due i tracciati, uno di 122 e l’altro di 79 km, da ripetersi due volte entrambi, sviluppati sulla vasta piana a ovest del paese tra Magyargencs, Nemesgorzsony, Tapolcafo e Kettornyulak. Lunghi rettilinei sterrati a fondo duro intervallati da tratti erbosi e carrarecce in mezzo alle campagne Ungheresi per il primo tracciato, molto più guidato ed apprezzato dai piloti tra le fitte boscaglie collinari e le zone agricole il secondo per un totale di circa 380 km di prove cronometrate.

Riapertissimo il Campionato, i piloti delle quattro ruote si sfideranno nuovamente a Idanha-a-Nova in Portogallo dal 27 al 28 di settembre in occasione dell’omonima Baja, ultima e conclusiva tappa del Campionato Europeo Baja 2013.

Classifiche Campionato Europeo Baja FIM Europe 2013 (quad):

Assoluta: Laskawiec Lukasz 113, Wisniewki Kamil 109, Zych Zbigniew 99, Vasatko jiri 69, Serbista Piotr 68.
Classe Q1: Serbista Piotr 89, Toro Simone 55, Fossà Giammarco 52.
Classe Q2: Laskawiec Lukasz 100, Wisniewki Kamil 98, Zych Zbigniew 90.
Classe QU: Paris Silvestro 0.

Classifiche Campionato Europeo Baja FIM Europe 2013 (UTV):

Assoluta: Scandola Graziano 88, Randysek Dusan 85, Pek Ludvik 40, Fossà Giammarco 37.
Classe S2: Scandola Graziano 73, Randysek Dusan 71, Pek Ludvik 35, Fossà Giammarco 32.

Info

Hungarian Baja

Data: 16-17-18 Agosto 2013
Località: Pàpa, situata a ovest dell’Ungheria a 180 Km dall’aeroporto internazionale di Budapest.
Sito internet: www.hungarianbaja.com
Area gara: Dintorni di Pàpa.
Settori selettivi: prologo + SS Km 80 e SS Km 110 da ripetersi pi volte (dati indicativi).
Totale percorso gara: km 500 indicativi